Select Page

Il passato non è un agglomerato di fatti vecchi, ma è la base su cui è costruito il presente

La serie televisiva italiana 1993 è una finestra sulla storia politica italiana e il suo cambiamento avvenuto proprio in quell’anno. Essa, infatti, racconta gli scandali avvenuti in quel periodo, da Tangentopoli a Mani pulite, ricordando la caduta del Presidente del Consiglio Bettino Craxi, gli affari loschi della Mafia e gli attentati da loro perpetrati, la malasanità e tanto altro ancora, utilizzando personaggi reali e immaginari in un intreccio di vite, desideri, ideali e destini che ne esplicano l’epilogo.

Ideata da Stefano Accorsi e diretta da Giuseppe Gagliardi, la serie originale Sky prodotta dalla casa di produzione Wildside, la cui sceneggiatura è stata realizzata invece da Ludivica Rampoldi, Alessandro Fabbri e Stefano Sardo, è già stata venduta in oltre 80 paesi.

La nuova stagione

Durante la conferenza stampa il regista Giuseppe Gagliardi ha dichiarato: “C’è un cambio stilistico poiché abbiamo fatto un diverso lavoro sui costumi e sulla fotografia; abbiamo cercato di seguire lo spirito nero dei personaggi.

La nuova stagione sarà un po’ più noir e thriller politico. Abbiamo usato tutti i codici e canoni del thriller, la camera sarà meno nervosa e più rigorosa, racconterà l’inquietudine e l’incertezza dei personaggi. E’ cambiato il nostro approccio proprio ai personaggi.”

Il cambiamento stilistico è evidente proprio nelle tinte noir che permeano gli episodi, nel cinismo dei suoi personaggi e negli intrighi creati dai suoi protagonisti al fine di ottenere sempre quello che vogliono.

Un’incalzante rincorsa alla propria realizzazione e benessere. Non importa a quale prezzo e non conta quale sia l’oggetto del desiderio, quello che conta è ottenere il risultato sperato. Sono tanti i personaggi che compongono questa complessa dinamica narrativa. Il protagonista principale è lo sprezzante Leonardo Notte, interpretato proprio da Stefano Accorsi. Un personaggio cinico che spinge Silvio Berlusconi, interpretato da Paolo Pierobon, a entrare in politica per personale tornaconto. In grande risalto c’è l’ambizioso Pietro Bosco, interpretato da Guido Caprino.

La bella valletta Veronica Castello, interpretata da Miriam Leone e chiara vittima di un ricatto. Luca Pastore, interpretato da Domenico Diele, e la sua personale indagine sulla malasanità. L’imprenditrice Beatrice Mainaghi, interpretata da Tea Falco, nella sua lotta contro la dominante presenza della Mafia. Ognuno di loro ha una storia alle spalle e una sua importanza nel contesto di quel periodo.

Altri attori che hanno dato vita ai principali elementi della trama sono Laura Chiatti, nei panni della fidanzata e fisioterapista di Leonardo Notte. Antonio Gerardi, che riveste il ruolo del P.M. Antonio Di Pietro e Vinicio Marchioni, quelli del politico Massimo D’Alema. Questi sono solo i personaggi principali, ma il cast è molto più ampio perchè la storia racconta maggiori avvenimenti che non possono essere semplicemente elencati.

Gli ascolti

La serietà e la potenza della trama ha fatto si, che l’esordio televisivo del 16 maggio 2017, con il suo + 7% di telespettatori rispetto al prequel 1992, annunciasse da subito una maggiore presa sul pubblico.

Gli episodi della prima stagione della serie 1993, che vanno in onda ogni martedì su Sky Atlantic, continuano a mantenere vivo l’interesse del proprio pubblico fedele che, impaziente, attende di settimana in settimana di vedere i suoi protagonisti. Martedì 6 giugno andrà in onda il finale di stagione delle serie che chiuderà l’anno. Guardare 1993 significa ritornare indietro nel tempo per rivivere quanto accaduto oppure per conoscere quella che è stata una parte della recente storia politica italiana.